No alla sedentarietà e sì a un’alimentazione sana: sono queste le due semplici ma fondamentali regole per mantenere il cuore a lungo in salute.

Soprattutto dal punto di vista della dieta, però, sei sicuro di fare sempre tutto il possibile? Non dimenticare inoltre che essere attenti a tavola a volte può non bastare per soddisfare il fabbisogno di alcune sostanze indispensabili per la prevenzione cardiovascolare, come ad esempio gli acidi grassi essenziali Omega-3.

Una prevenzione “generica”, limitando il consumo di grassi e mangiando tanta frutta e verdura è comunque di sicuro aiuto, soprattutto se contemporaneamente si privilegiano alcuni cibi davvero amici del cuore, in grado di proteggerlo e di mantenerlo “in forma” favorendo la circolazione sanguigna.

Quali sono i cibi che fanno davvero bene al cuore?
 

sgombri

Pesce azzurro

Sgombri, sardine & co sono particolarmente ricchi di acidi grassi polinsaturi Omega-3, che hanno un importante ruolo nella prevenzione delle malattie cardiovascolari, grazie a un’efficace azione antiinfiammatoria e di riduzione dei livelli di trigliceridi nel sangue.

 

fruttirossi

Frutti rossi

Mirtilli, lamponi e fragole contengono elevate quantità di antiossidanti, flavonoidi in particolare, che favoriscono la dilatazione delle arterie. Tre porzioni alla settimana, secondo l’American Heart Association, sarebbero in grado di ridurre del 30% il rischio di eventi cardiovascolari, in particolare fra le donne.

 

noci

Noci

È ampiamente noto che bastano 3-4 noci al giorno per ridurre sensibilmente il fattore di rischio cardiovascolare e l’incidenza di infarti e ictus.
Il merito è del loro elevato contenuto di acidi grassi essenziali Omega-3, indispensabili per la salute del cuore, ma che il nostro organismo non è in grado di produrre da solo.
30 grammi di noci garantiscono un apporto di 2 grammi di acido alfa-linolenico (acidi grassi del gruppo Omega-3).

 

olio

Olio Extravergine di Oliva

Il condimento classico della dieta mediterranea è un toccasana per il cuore: oltre a grassi mono e polinsaturi in proporzioni ottimali, contiene quantità elevate di polifenoli, composti organici dalle spiccate proprietà antiossidanti. L’associazione di queste sostanze è in grado di ridurre il colesterolo cattivo LDL presente nel sangue, oltre a ridurne il processo ossidativo responsabile della formazione delle placche aterosclerotiche.

 

pomodori

Pomodori

1 kg di pomodori freschi contiene fino a 4 mg di licopene, un carotenoide dall’importante azione antiossidante e prezioso per la salute cardiovascolare.
Il licopene è in grado infatti di combattere efficacemente i radicali liberi e prevenire i danni alle arterie: è stato calcolato che ne bastano 7mg al giorno per ridurre significativamente il rischio di infarto.

 

soia

Legumi

Il consumo di piselli, ceci, fagioli, lenticchie e soia, garantisce numerosi vantaggi al nostro sistema cardiocircolatorio. I legumi sono infatti ricchi di fibre solubili che contribuiscono ad abbassare il colesterolo e a “pulire” le arterie, ma non solo.
La presenza dii un composto organico del magnesio, l’ATP, regola le contrazioni dei muscoli, cuore compreso, e infine il contenuto di Omega-3, particolarmente elevato nella soia, garantisce tutti i ben noti benefici di questi acidi grassi essenziali.
Sembra che consumare legumi 4 volte alla settimana possa ridurre il rischio cardiovascolare di oltre il 20%.

 

vino

Vino rosso

E per finire, un buon bicchiere di rosso (ma solo uno e di buona qualità!).
Bere con moderazione – un bicchiere a pasto – sarebbe infatti utile per il benessere delle arterie. I polifenoli contenuti nella buccia dell’uva, e di conseguenza anche nel vino, eserciterebbero un’azione antiossidante e vasodilatatrice, fluidificando il sangue e prevenendo la comparsa delle placche aterosclerotiche.

 

Ultimo aggiornamento 24/06/2016