Gli Omega-3 svolgono un’importante azione anti-aritmica nel postinfarto, e l’assunzione di 1 grammo al giorno rappresenta un’efficace forma di prevenzione contro l’eventualità di un secondo infarto. Approfondisce la questione il Prof. Roberto Volpe, Lipidologo e Ricercatore del CNR di Roma.


Gli omega-3 possono essere impiegati nel post infarto e questo grazie ad uno studio italiano famosissimo in tutto il mondo: il GISSI, compiuto da colleghi delle cardiologie italiane che hanno dato un impulso importante nel trattamento del post infarto. Utilizzando un solo grammo di omega-3, si può prevenire il reinfarto e anche la mortalità cardiovascolare e anche quella totale grazie, soprattutto, all’azione antiaritmica degli omega-3. Quindi, non è un dosaggio cardiometabolico 2-3 g per combattere l’ipertrigliceridemia.